L'arte insegna all'uomo la responsabilita' della creazione.
Quando diventa una preghiera, la divinita' interiore e' risvegliata.

Satvat

giovedì 17 maggio 2012

Attesa

Satvat - Illuminazione del chiardiluna - acrilico su tela 2012
Attesa

Sono appeso a uno scampolo di destino
intarsiato nell’ala irrespirabile dell’attesa
ritraggo ami furbeschi di pensiero:
non è il caso di sperare ancora.
Consumo quanto mi è rimasto dell’illusione
sgranando un rosario di riflessione
di cui ogni seme è un fiore immanifesto
che riscatta l’orgoglio del giardino.
Questo cuore alita una scansione divina
qui lontano nell’Altrove
l’ Oltrespazio mi richiama
in attesa che null’altro attende
e vorrei ancora soddisfare l’inesprimibile
segnando il geroglifico segreto
ultima maschera
che l’attesa ricopre come neve.

4 commenti:

  1. caro Sergio
    vengo spesso nel tuo giardino a raspirare un po' dei tuoi colori e spesso mi coglie il desiderio di lasciarti in dono un piccolo commento, ma spesso dopo averti letto, rimango senza parole, come se quelle giuste le avessi usate tutte tu... c'è però almeno una parola che posso lasciarti ed è GRAZIE!

    RispondiElimina
  2. Cara Antonietta
    ti ringrazio proprio tanto per la tua condivisione dal cuore. Soprattutto in questi tempi è un nettare prezioso. Lo sai, ciò che ci rispecchia l'un l'altro è al di là delle parole, però non evitiamo di usarle come ali dell'inesprimibile. Perciò sono più che felice di ogni tuo segno. un abbraccio

    RispondiElimina
  3. Barbara Vernati21 maggio 2012 04:49

    Carissimo Sat, come sempre le tue parole arrivano a toccarmi nel profondo, come sempre, toccano il cuore commuovendomi.
    Cos'altro aggiungere se non un Grazie sincero e carico di affetto e gratitudine!
    Barbara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Barbara è molto bello condividersi la gratitudine per esserci in amicizia e risonanza. Grazie a te e me per ascoltare...

      Elimina